La Comunità Scientifica Internazionale ha delineato alcuni punti chiave su cui basarsi per questa attività di screening delle tecnologie di conversione del moto ondoso. Questi sono:

  • sviluppare tecnologie di “estrazione” affidabili;
  • mantenere il più possibile costi contenuti;
  • promuovere sistemi eco-compatibili.

A partire da tali indicazioni, e sulla scorta dell’esperienza diretta maturata nel settore, è apparso evidente che l’obiettivo principale è incoraggiare lo sviluppo economico ed ambientale sostenibile delle infrastrutture portuali e delle difese costiere, studiando la possibilità di integrare le opere di difesa con dispositivi di conversione dell’energia ondosa in elettricità; quest’ultima potrà essere impiegata al sevizio delle attività portuali e/o per soddisfare la domanda delle comunità locali. Attraverso questo progetto di innovazione sociale si vuole contribuire allo sviluppo di una innovativa tecnologia di estrazione del potenziale ondoso, capace di produrre elettricità “pulita” a costi estremamente contenuti.

L’attività di ricerca svolte grazie al Progetto di Innovazione Sociale rappresenta lo stato dell’arte nel settore. La preliminare divulgazione già gode di ampio e documentato interessamento nella comunità scientifica internazionale.

Molte delle informazioni sono scientificamente valide ed “esportabili” anche per configurazioni di dighe marittime innovative non destinate alla produzione di energia elettrica da moto ondoso. Alcuni temi scientifici di carattere generale stanno infatti riguardando la scalatura delle azioni impulsive dal modello alla scala prototipo. Le attività di ricerca che deriveranno dal monitoraggio sperimentale del prototipo sono concernenti:

  1. performance idrauliche di non tracimabilità del DIMEMO e protezione del bacino portuale a tergo dell’opera;
  2. riduzione delle sottospinte idrodinamiche mediante rampa sommersa nel dispositivo DIMEMO;
  3. integrazione e riduzione dei costi di costruzione dei muri di coronamento mediante il dispositivo DIMEMO;
  4. effetti idrodinamici del parapetto del muro di coronamento nel dispositivo DIMEMO;
  5. performance di produzione energetica del dispositivo DIMEMO nel contesto dei Mari Italiani e dell’Atlantico.

Sinora, i principali vantaggi ottenuti possono così sintetizzarsi:

  • minor costo di costruzione;
  • abolizione dello strato di mantellata in massi ciclopici artificiali (e.g. tetrapodi);
  • riduzione dei massi naturali costituenti la mantellata, con risparmi ambientali per la diminuzione dei quantitativi di materiali estratti e trasportati dalle cave di roccia;
  • in alcune configurazioni, riduzione impatto sullo skyline urbano del waterfront mediante abbassamento della quota di sommità del muro paraonde rispetto a quello di una diga progettata tradizionalmente (a parità di portate tracimanti a tergo dell’opera);
  • miglior circolazione idrica nel bacino portuale grazie alle portate immesse.

Rimani in contatto con noi

Inviaci la tua richiesta