15 gennaio 2016 admin

Nel porto di Napoli la prima diga che cattura l’energia delle onde

Stravolge l’originaria filosofia alla base delle dighe marittime: cattura la potenza del moto ondoso, anziché dissipare energia. Si chiama «Dimemo» ed è una tecnologia che si integra al 100% con le infrastrutture portuali, con il vantaggio di produrre elettricità pulita. Il primo impianto è stato realizzato nel golfo di Napoli, presso il molo San Vincenzo, l’antica diga sopraflutto del porto. I lavori di realizzazione del progetto finanziato dal Miur sono finiti da pochi giorni. Il prototipo è pronto e tra poche settimane verrà affidata alla Seconda università di Napoli l’attività di studio e sperimentazione.«Condurremo una serie di analisi – afferma Diego Vicinanza, professore associato di ingegneria costiera presso la Seconda Università di Napoli – che ci consentiranno di migliorare ulteriormente il progetto. Per la forza del moto ondoso, la tecnologia ha il potenziale di attrarre l’interesse dei Paesi europei che si affacciano all’Atlantico e al mar Baltico, ma anche in Italia potrebbe essere conveniente, perchè i costi sono simili a quelli delle opere tradizionali. I siti ideali sono la costa ovest della Sardegna e ovest-sud-ovest della Sicilia». «Ci auguriamo che ben presto vengano realizzati ‘green port’ con tecnologie di conversione dell’energia del moto ondoso in elettricità» aggiunge Pasquale Contestabile, responsabile del progetto.

Fonte: Il Mattino

Clicca per visualizzare il video dell’intervista